Doppia Firma

marzo 14 2017, 0 Comments

DOPPIA FIRMA 2017
DIALOGHI TRA PENSIERO PROGETTUALE E ALTO ARTIGIANATO

 

Galleria d’Arte Moderna di Milano
Eccezionalmente aperta per le Giornate Europee dei Mestieri d’Arte sabato 1 e domenica 2 aprile 2017
Salone del Mobile – dal 4 al 9 aprile 2017
In occasione dell’edizione 2017 delle Giornate Europee dei Mestieri d’Arte e del Salone del Mobile, Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, Living Corriere della Sera e Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship hanno il piacere di presentare la seconda edizione di Doppia Firma, un format inedito che ha raccolto durante il Salone del Mobile 2016 un grande consenso e successo di critica e di pubblico.
Si tratta infatti di un progetto che unisce l’innovazione del design alla tradizione dei grandi maestri d’arte italiani. La finalità è quella di dare vita a una collezione unica (15 opere) di oggetti raffinati e originali, frutto dello scambio creativo tra un designer e un artigiano dal savoir-faire pressoché unico: opere inedite che nascono dalla fertilizzazione reciproca tra una cultura del progetto aperta alla contemporaneità e un saper fare che sia espressione autentica del territorio.
La nuova edizione, realizzata in concomitanza delle Giornate Europee dei Mestieri d’Arte, network internazionale dedicato al saper fare di eccellenza, pone in dialogo per la prima volta designer europei e maestri d’arte italiani: una sfida ancora più stimolante, che darà vita a progetti imprevedibili, anche grazie al confronto tra codici culturali talvolta assai diversi e distanti. Una sperimentazione che in virtù di questa dimensione europea si fa ancor più interessante e potenzialmente multiforme.
I materiali e le tecniche su cui la progettualità dei designer e la manualità d’eccezione degli artigiani si misureranno spaziano dall’argento alla carta alla ceramica, dal legno al metallo al commesso fiorentino, dalla lacca al mosaico agli specchi, dai tessuti al vetro. Il progetto mira a estendere le possibilità espressive dell’artigiano, aiutandolo a comprendere quali nuove dimensioni possano essere esplorate; e al contempo offre ai designer la possibilità di lavorare con tecniche, materiali e pratiche suggestive.
Gli oggetti, vere icone narrative create ad hoc per il Salone, verranno esposti al pubblico in un luogo molto speciale, fra i più prestigiosi dell’arte e della cultura milanesi: la Galleria d’Arte Moderna, scenografico scrigno di una collezione unica di tesori ottocenteschi, che ospiterà eccezionalmente questo progetto nelle magnifiche Sala da Ballo e Sala del Parnaso. Di ogni oggetto verranno presentati gli artefici e illustrate (con foto e video) le fasi di genesi, offrendo una chiara indicazione in merito all’autorialità: da qui il tema della “doppia firma”, che genera valore per entrambi i protagonisti.
Grazie all’expertise dei promotori nei domini del design e dell’alto artigianato sono stati promossi 15 straordinari sodalizi creativi. Designer e artigiani si sono incontrati tutti per la prima volta, condividendo con straordinaria disponibilità un percorso comune, idee e saper fare, con reciproco rispetto e ricerca di una sintonia profonda e fertile. Nel nome dell’eccellenza.

I designer e i maestri d’arte di Doppia Firma 2017:
Nika Zupanc (Slovenia) e De Vecchi Milano 1935 (argento)
Uros Mihic (Serbia) e Caterina Crepax (carta)
Elisa Strozyk (Germania) e BottegaNove (ceramica)
Dimitri Bähler (Svizzera) e Maurizio Tittarelli Rubboli (ceramica)
Sara Ricciardi (Italia) e Nicolò Morales (ceramica)
Pierre Marie (Francia) e Leonardo Scarpelli, di Scarpelli Mosaici (commesso fiorentino)
Raw-Edges (Regno Unito) e Carlo Apollo (legno)
Lex Pott (Olanda) e HABITO – Giuseppe Rivadossi Officina (legno)
Oskar Zieta (Polonia) e La Fucina di Efesto (metallo)
Jan Plecháč & Henry Wielgus (Repubblica Ceca) e Gianluca Pacchioni (metallo)
Sebastian Herkner (Germania) e Lucio Doro, di Alchymia (lacca)
Felix Muhrhofer (Austria) e Fabrizio Travisanutto (mosaico)
Cristina Celestino (Italia) e Antique Mirror (specchi)
Federico Pepe (Itala) e Marta Cucchia, dell’Atelier Giuditta Brozzetti (tessuto)
Emmanuel Babled (Portogallo/Francia) e Simone Crestani (vetro)

Alessandra Salaris, affermata interior stylist, coordinerà il progetto; lo Studio Salaris seguirà inoltre l’allestimento della mostra presso la GAM.
Laila Pozzo, fotografa milanese specializzata in ritratti e ambienti legati al lavoro artigiano di eccellenza, documenterà il progetto e i suoi artefici, con scatti effettuati presso gli atelier dei maestri artigiani.
Sono previste la realizzazione di un video e la stampa di un catalogo in lingua inglese, che sarà omaggiato a tutti i visitatori.

Galleria d’Arte Moderna di Milano
Giorni e orari di apertura:
sabato 1 e domenica 2 aprile, ore 9.00 – 17.30
lunedì 3 aprile chiuso
martedì 4 aprile, ore 9.00 – 17.30
mercoledì 5 – domenica 9 aprile, ore 9.00 – 19.00

DOUBLE SIGNATURE
A DIALOGUE BETWEEN DESIGN AND ARTISANAL EXCELLENCE

Modern Art Gallery of Milan
Open exceptionally during the European Artistic Craft Days Saturday 1 and Sunday 2 April 2017
Salone del Mobile – 4 to 9 April 2017
On the occasion of the 2017 edition of the European Artistic Craft Days and of the Salone del Mobile, Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, Living Corriere della Sera and the Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship are pleased to present the second edition of Doppia Firma, an unprecedented format which met with critical acclaim at Salone del Mobile 2016.
The project brings together design innovation and the tradition of great Italian artisanship by creating a unique collection (15 works) of original, refined objects. The objects carry two signatures – doppia firma – as each is the creative outcome of an exchange between a designer and a uniquely skilled craftsman. The aim is to give birth to new artworks that arise from a cross-fertilisation of a design culture open to contemporary vision and a savoir-faire that is a genuine expression of territorial uniqueness.
The new edition of Doppia Firma, which will be presented on the occasion of the European Artistic Crafts Days – an international festival showcasing top-level savoir-faire – features for the first time a dialogue between European designers and excellent Italian artisans. Imbuing the project with an international dimension has given life to unexpected works with widely different cultural codes.
The materials and techniques animating the designers’ vision and the artisans’ extraordinary skills range from silver to paper to ceramics, from wood to metal, to commesso fiorentino (semi-precious stone inlay), from lacquer to mosaic to mirrors, from fabrics to glass. The project aims to offer craftsmen the chance to explore new realms of expression while offering designers an opportunity to be inspired by new techniques, materials and practices.
The objects, actual narrative icons especially created for the Salone, will be on display in a very special venue, one of the most prestigious settings of Milan’s art and culture: the Galleria d’Arte Moderna di Milano (Modern Art Gallery of Milan), a scenic jewel box displaying a unique collection of 19th-century treasures, which will exceptionally host this project in the magnificent Sala da Ballo and Sala del Parnaso. Each object will be showcased along with the name of both authors as well as photographs and videos illustrating each step of the creation process.
Thanks to the promoters’ expertise in the fields of design and high-end craftsmanship,15 extraordinary creative partnerships have been forged. Each pair of designers and artisans has collaborated for the first time, sharing a common pathway and exchanging ideas and savoir-faire with openness, mutual respect and a desire to establish deep, fertile communication. In the name of excellence.

2017 Doppia Firma’s Designers and Artisans
Nika Zupanc (Slovenia) and De Vecchi Milano 1935 (silver)
Uros Mihic (Serbia) and Caterina Crepax (paper)
Elisa Strozyk (Germany) and BottegaNove (ceramics)
Dimitri Bähler (Switzerland) and Maurizio Tittarelli Rubboli (ceramics)
Sara Ricciardi (Italy) and Nicolò Morales (ceramics)
Pierre Marie (France) and Leonardo Scarpelli, from Scarpelli Mosaici (commesso fiorentino, semi-precious stone inlay)
Raw-Edges (United Kingdom) and Carlo Apollo (wood)
Lex Pott (The Netherlands) and HABITO – Giuseppe Rivadossi Officina (wood)
Oskar Zieta (Poland) and La Fucina di Efesto (metal)
Jan Plecháč & Henry Wielgus (Czech Republic) and Gianluca Pacchioni (metal)
Sebastian Herkner (Germany) and Lucio Doro, from Alchymia (lacquer)
Felix Muhrhofer (Austria) and Fabrizio Travisanutto (mosaic)
Cristina Celestino (Italy) and Antique Mirrors (mirrors)
Federico Pepe (Italy) and Marta Cucchia, from Giuditta Brozzetti’s Atelier (textiles)
Emmanuel Babled (Portugal/France) and Simone Crestani (glass)

Alessandra Salaris, a well-known interior stylist, has coordinated the project; Studio Salaris has arranged the GAM exhibition staging.
Laila Pozzo, a Milanese photographer specialising in portraits and in pictures of top-quality crafts locations, has documented the project and its creators.
A video and a free-of-charge English-language catalogue are currently being developed.

Modern Art Gallery of Milan
Opening to the public
Saturday 1 and Sunday 2 April, 9 am – 5.30 pm
Tuesday 4 April, 9 am – 5.30 pm
From Wednesday 5 to Sunday 9 April, 9 am – 7 pm